Perchè l’affido condiviso non va applicato nei casi di violenza familiare

Anche i giuristi democratici intervengono sulle dichiarazioni della ministra per le pari opportunità

Il contesto famigliare è il luogo privilegiato di espressione della disparità di potere nella relazione tra coniugi

“…alto è il tasso di violenze da parte degli ex coniugi ai danni di donne e figli in casi di affido condivisonon perché questa sia occasione di scontro sui figli, ma perché l’affido condiviso viene sovente concesso anche quando già erano state avanzate da parte della donna precedenti denunce penali al marito per percosse, minacce, maltrattamenti.”

di Associazione nazionale giuristi democratici

Lettera aperta dell’Associazione Nazionale Giuristi Democratici, Gruppo di studio Generi e Famiglie, alla Ministra per le Pari Opportunità Mara Carfagna, in merito alle dichiarazioni rilasciate sulla violenza degli uomini contro le donne.

La violenza e le discriminazioni compiute dagli uomini ai danni delle donne, siano esse di tipo fisico, psicologico o economico, aldilà del contesto in cui vengono compiute, non rappresentano mai una “trasformazione” della realtà, un evento eccezionale, una “anomalia” connessa a qualità personali del singolo uomo che le compie, ma, come espresso nel Preambolo della Convenzione per l’Eliminazione di ogni forma di discriminazione contro la donna (CEDAW), sono la “manifestazione di un potere relazionale storicamente diseguale tra uomini e donne…uno dei principali meccanismi sociali attraverso i quali le donne sono costrette ad occupare una posizione subordinata rispetto agli uomini.”

Il contesto famigliare è il luogo privilegiato di espressione della disparità di potere nella relazione tra coniugi: perché inevitabilmente il duplice ruolo che la donna in questo contesto è chiamata a ricoprire di moglie e madre la rende soggetta ad una serie di “aspettative” da parte del coniuge e della società stessa, che la vedono ancorata ad un ruolo primariamente di cura e riproduttivo, di servizio, e non, come dalla Ministra affermato, di realizzazione.

Infatti, statistiche, indagini criminologiche e studi psicologici di levatura internazionale sono concordi nell’affermare che la violenza dell’uomo in seno alla famiglia si scatena proprio nel momento in cui la donna sceglie di abbandonare il proprio ruolo di moglie e madre o “interpretarlo liberamente”, cercando di esprimere le proprie qualità anche come cittadina e donna, dunque come soggetto, prima ancora che come oggetto di “funzioni” legate al suo ruolo.

E’ in questo momento che l’uomo si sente legittimato, imponendo la propria forza fisica, il proprio potere economico, il bene “superiore” della famiglia, a dissuadere la donna dalla possibilità di scegliere come costruire la propria vita, a sminuire la scelta di autonomia della donna come scelta debole, a cercare di tenerla al suo servizio con tutti i mezzi possibili, dalla minaccia allo stupro, alla violenza sui figli.

Perché deve sapere, Ministra, che alto è il tasso di violenze da parte degli ex coniugi ai danni di donne e figli in casi di affido condiviso, non perché questa sia occasione di scontro sui figli, ma perché l’affido condiviso viene sovente concesso anche quando già erano state avanzate da parte della donna precedenti denunce penali al marito per percosse, minacce, maltrattamenti.

L’incapacità di valutare la pervasività della violenza dell’uomo in famiglia, che non solo si rivolge contro la donna, ma anche è violenza assistita per i figli che indirettamente la subiscono, porta a concedere l’affidamento congiunto anche in questi casi, consentendo all’uomo violento di continuare a trovare spazi per distruggere fisicamente e psicologicamente le persone, donna e figli, che hanno deciso di sottrarsi dalla sua potestà.

A fronte della gravità e della pervasività della discriminazione e della violenza degli uomini ai danni delle donne italiane, pare una ulteriore ed inaudita violenza istituzionale non solo la scelta di non assegnare un Portafoglio al Ministero delle Pari Opportunità per consentirLe di poter effettivamente intervenire a supporto dei centri antiviolenza e rendere concrete le politiche di supporto alla fuoriuscita delle donne da situazioni di criticità, ma anche la scelta di tagliare quei già pochi fondi stanziati a tal fine, che ancora una volta, da un Governo preminentemente composto di uomini, viene distratto alle politiche delle pari opportunità a favore di altri e del tutto diversi ambiti (abolizione ICI prima casa, quella in cui i coniugi possidenti e maggiormente remunerati rispetto alle proprie consorti potranno continuare ad esercitare agevolmente su di loro violenze e pressioni economiche e psicologiche).

Molte altre sarebbero le osservazioni su cui soffermarsi, ma, per brevità, pare opportuno in questa sede portare a Sua conoscenza e fare rimando alle Raccomandazioni che il Comitato per l’applicazione della Convenzione per l’Eliminazione di ogni forma di discriminazione contro la donna (CEDAW) ha, in più riprese, rivolto al nostro Stato, e che sempre sono state ignorate ed occultate, al punto da doversi una associazione come la nostra addossare l’onere di tradurle e diffonderle. Le alleghiamo alla presente, nella speranza voglia fare di tali Raccomandazioni fulcro centrale di indirizzo delle azioni che porrà in essere, che sempre dovranno essere rivolte alla promozione della donna in quanto soggetto, per rendere concreto il godimento dei loro diritti fondamentali.

Associazione Nazionale Giuristi Democratici Gruppo di studio Generi e Famiglie Le dichiarazioni della ministra Carfagna sono disponibili sul suo Blog

Annunci
Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Commenti

  • AntonioM  On aprile 3, 2010 at 6:21 pm

    voi volete che l’affido condiviso venga tolto solo alle persone condannate per violenza o solo ai padri indagati? Come forse sapete, in Italia esiste l’obbligatorietà dell’azione penale, per cui basta una falsa denuncia per venire indagati. E se il padre a sua volta denuncia la donna per calunnia, reato ben più grave ed infame di percosse e minacce, che si fa? Si mettono i bambini in una casa famiglia per sei anni?

    • idvdonnetoscana  On aprile 5, 2010 at 8:58 pm

      la denuncia per calunnia è un’arma diventata prassi, purtroppo: chi viene denunciato per stupro o violenza può fare una falsa denuncia per calunnia…
      per quanto riguarda l’affido condiviso normalmente si tratta di casi in cui il genitore è denunciato per violenza e la storia familiare è segnata da violenze perpetrate nel corso del tempo(generalmente registrate da forze dell’ordine e referti di pronto soccorso: vogliamo mettere in dubbio anche questi???) e quel genitore non può sostenere che si tratta di una invenzione dell’ultimo minuto.
      I bambini devono stare con adulti sani ed equilibrati e non con chi produce e pratica violenza. vale per entrambi i genitori. è una scelta di buon senso. opporsi è pretestuoso.
      Immaginatevi uno che ha subito due o tre denunce e che ha mandato all’ospedale la moglie varie volte poi fare una querela per calunnia?c’è da ridere, a crepapelle, per non piangere.
      E se le denunce si riferiscono a comportamenti lesivi delle donne nella ultima fase di separazione i bambini devono restare a chi denuncia la violenza e NON A CHI PER DIFENDERSI DENUNCIA PER CALUNNIA.

  • Graziella Gambeggi  On aprile 20, 2010 at 1:34 pm

    Cosa ignobile, le donne dovrebbero rivoltarsi.

  • diana  On aprile 22, 2010 at 6:43 am

    vorrei ricordare che oltre alle violenze fisiche perpetrate ai danni dei bambini e delle ex compagne, esistono, e non sono meno gravi, anche le violenze psicologiche, che nelle cause per affido possono durare decenni. E con conseguenze devastanti sulla vita di chi le subisce. I più deboli arrivano al suicidio o ad ammalarsi.
    Significa che un padre che perseguita la madre dei propri figli, perchè non accetta che lei possa aver troncato il rapporto e magari rifarsi una nuova vita, può praticamente distruggerle ogni speranza di felicità oltre ovviamente a distruggere i propri figli.
    Oggi, molti padri, forti di queste proposte di legge, stanno dandi i numeri…Con il lasciapassare dei Tribunali
    Io sono una di queste madri, che da 3 anni sta subendo violenze psicologiche di ogni genere, tentando di difendere mia figlia, di soli 3 anni.
    E, vorrei sottolineare, non ho mai preso il becco di un quattrino dal padre di mia figlia. Sono sempre stata indipendente da quando avevo 20 anni.
    I figli spesso rifiutano di andare da certi genitori perchè sanno intuire a pelle che non c’è affetto nei loro confronti. E di fronte a questo, tutti i tentativi della madre di convincerli, purchè non si venga accusati PAS e si rischi la casa famiglia, hanno ben poche possibilità di successo.
    Alla fine i figli (anche così piccoli!!!)accettano di andare con il padre per evitare problemi più grandi o per difendere la madre. CHE COSA STIAMO FACENDO A QUESTI PICCOLI? VERGOGNA

Trackbacks

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: